Feste e Tradizioni
:: Festa della Madonna della Stella
:: Sagra della mostarda di fichidindia
:: Foto rassegna agroalimentare
:: Riti pasquali
:: San Giuseppe
:: Carnevale
<< Home
Rassegna agroalimentare - Sagra della mostarda di fichidindia

Un tuffo nella tradizione, tra le prelibatezze di una cucina antica e ancora genuina: questo è la Rassegna Agroalimentare che si svolge ogni anno a Pedagaggi nel mese di ottobre.
Promossa e organizzata dalla Pro Loco, con il patrocinio della Provincia Regionale di Siracusa, del Comune di Carlentini e della Regione Siciliana, la manifestazione ha nella pregiata mostarda di fichidindia, frutto della straordinaria abilità culinaria delle massaie del luogo, il suo vero elemento di forza.
Pedagaggi, che è geograficamente la «porta degli Iblei», accoglie per due giorni migliaia di visitatori che si riversano lungo le stradine dello storico e suggestivo quartiere San Cristoforo, il nucleo più antico dell’abitato, la cui potente forza rievocativa è capace di richiamare alla memoria i ritmi, i colori e i profumi di un tempo ormai remoto.
Nei due giorni della manifestazione, che è insieme tempo di condivisione, opportunità di promozione, strumento di sviluppo, è possibile degustare i tanti prodotti tipici locali (l’eccellente mostarda calda o secca, i fichidindia appena sbucciati, i gustosi cavateddi al sugo di maiale, ma anche la ricotta e le focacce, le tante conserve, la porchetta, i formaggi e i salumi, il vino e l’olio prodotti dagli agricoltori del luogo), assistere a spettacoli folk e di cabaret, visitare in alcune antiche case del quartiere San Cristoforo i caratteristici e suggestivi luoghi della civiltà contadina.
L’iniziativa fa registrare a ogni edizione un numero sempre crescente di visitatori, richiamati dalle prelibatezze di una robusta tradizione gastronomica che le massaie del luogo, saldamente legate alle proprie radici, amorevolmente perpetuano.
Un appuntamento irrinunciabile, insomma, per chi voglia aprirsi alla riscoperta delle proprie radici e allo stesso tempo guardare con occhio curioso al progresso e all’innovazione tecnologica rappresentata dalle moderne centrali eoliche di monte Santa Venera.